Parliamo spesso, nei nostri articoli, di tricologia e innovative soluzioni per chi soffre di alopecia areata: chi ci segue sa che in Artìs lavoriamo con costanza per proporre protesi tricologiche sempre più avanzate. Soprattutto, cerchiamo di informare chiunque soffra di alopecia – ma anche chi non ne è toccato in alcun modo – sui modi per affrontare tale inestetismo.

Artìs al Gaslini di Genova

Tutto ciò ci consente di ottenere riconoscimenti professionali di cui andiamo fieri. L’ultimo, in ordine cronologico, l’abbiamo ottenuto grazie a un invito rivolto dall’Istituto Gaslini di Genova, struttura d’eccellenza nella sanità a livello nazionale, a partecipare come espositori durante il corso professionale denominato “Alopecia del bambino: dalla diagnosi alla terapia”.

Accettato l’invito, siamo partiti alla volta del capoluogo ligure dove, assieme al Dott. Prof. Roberto D’Ovidio (con il quale abbiamo instaurato da tempo una prolifica collaborazione professionale, tra cui la redazione di una guida sull’alopecia areata che potete scaricare da qui), abbiamo preso parte al corso.

Al congresso erano presenti i più affermati medici tricologi italiani, tra i quali figura proprio il dott. D’Ovidio che, in occasione del suo intervento, ha presentato una nuova terapia per alopecia totale e areata che va eseguita con TOA, una soluzione innovativa e pratica, nata nei laboratori Artìs, per chi soffre di alopecia areata.

Cos’è TOA e come aiuta chi soffre di alopecia

TOA rappresenta una soluzione unica nel suo genere, poiché viene applicata senza dover ricorrere ad alcun tipo di biadesivo o collante liquido. Presenta, inoltre, una composizione chimica che rispetta la regolamentazione UE in materia di utilizzo dei componenti cosmetici per uso umano e soddisfa un’altissima percentuale ( il 90%) di persone affette da alopecia areata, risultando così una valida soluzione da applicare a un vasto numero di persone.

Lo stand Artìs

In qualità di invitati, abbiamo avuto la possibilità di allestire uno stand Artìs (guarda le foto in basso) e anche in quel caso abbiamo ottenuto buoni risultati: lo stand, infatti, ha catturato l’attenzione dei medici partecipanti all’evento e le nostre protesi tricologiche per l’integrazione dei capelli sono state apprezzate e riconosciute come uniche nel loro genere, visto l’alto grado di personalizzazione delle nostre protesi per ogni tipo di paziente.

Conclusioni

L’esperienza di Genova è stata molto positiva, poiché abbiamo ricevuto attestati di stima e complimenti per il lavoro svolto nella creazione di TOA ed è stato bello renderci conto di quanto il nostro prodotto contribuisca alla riuscita di una sperimentazione medico-scientifica nel campo della tricologia.